L' AMBIGUITA' DEL DOPPIO: Vergine o Bilancia?

seconda parte

introduzione prima parte terza parte
quarta parte quinta parte sesta parte settima parte

… questa grande civiltà mediterranea … (n.d.a.,i Sumeri ) è stata spazzata via da popoli venuti da altre regioni … (che) hanno vinto con la forza, si sono fusi alle popolazioni autoctone e la religione ha conosciuto il fenomeno del sincretismo, della fusionela nuova religione ha dominato sull’antica          

Mario Zoli

 

Nello Zodiaco, da tempo immemorabile, il sesto ed il settimo Segno vengono caratterizzati rispettivamente dai glifi della Vergine e della Bilancia, ma per quanto fin qui analizzato, a mio avviso le simbologia dell'OMEGA e/o della Bilancia, si prestano in modo molto più efficace a descrivere compiti e valenze del sesto Segno.

Mentre il settimo Segno esalta il concetto del GIUSTO, in senso lato del termine (non certamente delle quantità!), relativo alla perfezione estetica, il sesto presiede al compito di stabilire e far rispettare la Norma: sia dal punto di vista terreno, imbrigliando le Leggi di una Natura che si adatti “a misura d’uomo”, sia da quello cosmico, secondo la Legge in-permanente dell’eterno ritorno.

Mi rendo conto di sostenere un’ipotesi sgradita, ma quando - non uno - bensì tutta una serie di indizi (e quindi non un caso) concorrono in modo obiettivo a circostanziare dati di fatto attendibili, perché mai allora non tenerne conto nella formulazione delle teorie? Del resto quale e quanto affidamento attribuire agli antichi scribi, la cui opera molto spesso doveva allinearsi al potere politico-religioso del nuovo sovrano?

Nel corso dei millenni prima di Cristo nella regione medio-orientale si succedettero più di cinque dominazioni: ad ogni nuova investitura alcune divinità dei perdenti vennero abolite e cancellate, per porre alla ribalta quelle dei vincenti; ecco perché mi sento di poter supporre che le rappresentazioni simboliche dei due Segni siano state confuse o barattate, e probabilmente applicate al sesto e settimo Segno, in modo improprio ed incosciente (dettato dalla non-conoscenza).

In alcune iconografie medioevali la costellazione della Vergine era rappresentata da una figura femminile, che con la mano destra reggeva una bilancia. Nel corso dei tempi, alla fanciulla spuntarono le ali e l’oggetto-bilancia sparì, sostituito da un fascio di spighe …

 

Da millenni molto più remoti però, un reperto accadico, testimonia l’effettiva esistenza di una divinità capostipite: una dea alata che, pone le estremità inferiori da rapace sul dorso di un leone, mentre, con quelle superiori detiene due OMEGA.

Nella iconografia sumerica le due uniche divinità femminili con appendici alari sono rappresentate da:

 

ISH-TAR (“dalla voce melodiosa”) o IN-AN-NA (“nuda da capo a piedi”), ovvero Venere, provvista di ali rivolte in alto, da farfalla; perfetta in ogni sua forma e Signora del settimo Segno;

LIL-IT (“Vento dal Soffio Mortale che Toglie la Vita”) o E-RESH-KI-G-A-L (“spirito dell’Ordine che Domina l’Uomo”), che dimora nel Mondo Inferiore (sesto Segno). Provvista di ali rivolte al basso, da mantide, è bellissima, ma imperfetta, per via dei piedi deformi a guisa di rapace. Incarnerebbe a tutti gli effetti, la simbologia del sesto Segno, anche in virtù del fatto che, l'unica imperfezione è costituita dai piedi, estremità notoriamente "governate" dal Segno opposto (Pesci).

L’immagine sumerica a lato, così come quella di Lilith, potrebbe indicare, a livello simbolico, la continuità zodiacale per adiacenza, dal Segno del Leone (quinto) a quello dell’Omega (sesto).

 

Sommatoria ampiezze

Segni Maschili:

125° 45'

 

 

Sommatoria ampiezze

Segni Femminili:

176° 45'

 

Una ulteriore tessera nel mosaico dei dati di fatto può essere circostanziata dai Numeri, mediante l’applicazione delle ampiezze relative alle Costellazioni descritte nella Lista Reale sumerica.

Prendendo in esame i Segni antidiluviani, ovvero i Segni provvisti di Signoria (escludendo quindi Leone e Cancro, che appartengono al periodo del Diluvio) e sommando da una parte le ampiezze dei Segni maschili e dall’altra quelle dei Segni femminili, otterremo un forte squilibrio di valori a favore di questi ultimi.

 

Sommatoria ampiezze

Segni Maschili:

151° 15'

 

 

Sommatoria ampiezze

Segni Femminili:

151° 15'

 

Scambiando però l'ordine dei Segni di Bilancia e Vergine, coi rispettivi valori angolari, come per incanto il rapporto diventa paritario.

 

Il primo dubbio sul possibile “scambiodei due logogrammi era sorto quando, l’interpretazione fonetica dei simboli aveva dato il risultato qui riprodotto.

È innegabile che l’aspetto afrodisiaco della Sirena, dalla voce irresistibilmente suadente, si accordi in modo più consono alle caratteristiche del settimo Segno. Altrettanto dicasi per lo Sciamano (uomo della medicina): le due teste e le due code che egli mostra, indicano verosimilmente il simbolo del Caduceo (due serpenti), immagine che risulta tenacemente legata al sesto Segno (Mercurio/Hermes/Toth-Anubi/EN_ZU).

pagina precedente

pagina successiva